LE CERAMICHE RINASCIMENTALI E LE MAIOLICHE

Il Museo Parazzi possiede un nucleo di circa 250 ceramiche rinascimentali e maioliche, quasi tutte di provenienza sconosciuta. La ceramica graffita, che risale al XV-XVII secolo, presenta forme e motivi decorativi diffusi in tutta l’area lombarda, emiliana e veneta; per alcuni manufatti non si esclude una produzione viadanese, testimoniata anche dalle fonti storiche. Tra le numerose maioliche di XVI-XVII secolo alcuni esemplari ricordano le produzioni liguri, pur non potendo essere esclusa una fabbricazione locale. Al XVIII secolo risalgono vasi da farmacia di probabile manifattura ligure o veneziana; terraglie e maioliche settecentesche e ottocentesche di vari centri produttivi italiani ed esteri completano la raccolta.